fbpx

Acufene, quel fastidioso ronzio…

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Fischi, ronzii, fruscii, crepitii, soffi, pulsazioni: recenti studi epidemiologici hanno messo in evidenza come l’acufene sia un disturbo frequente. Il 20% della popolazione ne ha esperienza, spesso con forti ripercussioni sulla qualità della vita (nel 5% dei casi invalidante) generando depressione, stati di ansia e di panico, insonnia e serie difficoltà nell’affrontare la vita quotidiana.

È una percezione acustica non organizzata, avvertita dal soggetto ma non realmente prodotta da alcuna sorgente sonora esterna. È un disturbo caratterizzato dalla percezione di suoni non legati a stimoli esterni, che possono essere costanti o intermittenti, deboli o molto forti.

Come avviene la diagnosi?

Per la diagnosi, particolare attenzione deve essere posta sulle abitudini di vita attuali e pregresse, sull’attività lavorativa (esposizione e rumore), sullo stato di salute e sui parametri fisiologici, oltre che sulla eventuale concomitanza di disturbi vertiginosi, della postura o mala occlusivi. Gli esami audiometrici, da quelli di 1° livello (audiometria tonale e impedenzometria) a quelli di 2° livello (potenziali uditivi evocati) fino agli accertamenti per immagini (tac e risonanza magnetica) hanno lo scopo di individuare causa e sede del problema: dal banale tappo di cerume fino al neurinoma del nervo acustico, passando per le malattie dell’orecchio medio (otiti e otosclerosi) e quelle dell’orecchio interno (Sindrome di Meniere, labirintiti, danni da rumore). L’acufenometria individua la banda di frequenza dell’acufene e ha scopo terapeutico (inibizione dell’acufene, di durata più o meno lunga, tramite rumore a banda generato da particolari protesi dette tinnitus masker).

Esiste una cura?

Dal momento che le cause di acufene sono diverse, non esiste un unico approccio di cura, ma è necessario mettere a punto una terapia su misura: dalla chirurgia (limitata alla patologia dell’orecchio medio come l’otosclerosi) alla terapia farmacologica, che comprende classi diverse di farmaci (corticosteroidi in primis, poi vasodilatatori, antistaminici ed istaminosimili, antiepilettici e diuretici). E’ riservato agli acufeni persistenti e necrotizzanti, l’utilizzo dei tinnitus masker, unito alla psicoterapia, il training autogeno e farmaci ansiolitici, ipnotici e antidepressivi,

Terapie alternative

L’osteopatia, la terapia chiropratica e gnatologica possono portare benefici negli scompensi posturali e mala occlusivi. Agopuntura e cure omeopatiche, pur senza evidenza scientifica possono in alcuni casi supportare la terapia principale.

Conclusioni

Da rimarcare il fatto che i migliori risultati con cure mediche sono ottenibili entri i primi giorni dall’insorgenza dell’acufene; da ciò l’importanza di una immediata visita specialistica al sorgere del problema.

Dr.Giorgio Bortesi, Specialista in Otorinolaringoiatria

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Chiudi il menu