TSA Ecocolordoppler cos’è e perché farlo 

ecocolordoppler copertina articolo

L’ecocolordoppler dei tronchi sovraortici, abbreviato TSA, è una tecnica diagnostica non invasiva che permette di esaminare, attraverso l’ecografo, i principali vasi sanguigni del collo che trasportano il sangue verso il cervello.

In questo articolo approfondiamo a cosa serve, come si svolge e le conseguenti applicazioni.

Cos’è l’ecocolordoppler

L’ecocolordoppler nasce dall’incontro di due metodiche di diagnosi che sono l’ecografia e l’effetto doppler. 

Sottoporsi a questo esame permette di ottenere delle immagini a colori dei vasi sia venosi che arteriosi, consentendo  lo studio del  flusso ematico al loro interno. In questo modo possono essere evidenziate anche le più piccole lesioni delle pareti dei vasi, permettendo così di valutare l’entità di un eventuale danno. 

A cosa serve un ecocolordoppler

Questo esame viene prescritto solitamente per individuare problemi vascolari: controllando la velocità di scorrimento del sangue nelle vene e nelle arterie, si possono infatti cogliere eventuali anomalie. 

La funzionalità di questa tecnica diagnostica consiste nello studiare e monitorare le principali patologie vascolari, tra cui trombosi venose  e stenosi arteriose, oppure di individuare lesioni aterosclerotiche ostruenti la parete del vaso.

Questo esame permette quindi di rivelare eventuali aneurismi o occlusioni di vasi sanguigni, patologie che spesso sono silenti e non forniscono sintomi riconoscibili. 
L’ecocolordoppler è molto indicato anche per controlli ghiandolari e testicolari.

Come si deve preparare un paziente

L’ecocolordoppler è un esame non invasivo e senza l’impiego di radiazioni: si utilizza un ecografo, che non comporta nessun disturbo per il paziente. 

Si effettua in una stanza oscurata con il paziente disteso supino sul letto e la sua durata può variare dai 20 ai 30 minuti. 

Non è necessario effettuare preparazioni specifiche e non serve la presenza di un accompagnatore. 

Ci sono rischi o effetti collaterali per chi si sottopone ad un ecocolordoppler?

Trattandosi di un esame ecografico, che non prevede l’impiego di radiazioni, non c’è alcun tipo di rischio per i pazienti. 

Presso il Valparma Hospital è possibile sottoporsi a questo esame diagnostico: se desideri maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro ufficio accettazione.

Leggi anche: Ecocardiografia a cosa serve e come prepararsi