Endometriosi, quali sono i sintomi e che dieta seguire

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
endometriosi dieta articolo blog

Articolo realizzato in collaborazione con la Dottoressa Cecilia Dieci, Biologa Nutrizionista.

L’endometriosi è un’infiammazione cronica benigna che colpisce prevalentemente donne tra i 25 e i 35 anni. Uno degli aspetti più delicati di questa patologia è la sua difficoltà diagnostica: ecco in che cosa consiste, quali sono i sintomi, quali sono gli step della diagnosi e quale dieta seguire.

Che cos’è l’endometriosi

L’endometriosi viene definita come un’infiammazione cronica degli organi genitali femminili del peritoneo pelvico. La causa è la presenza anomala di cellule endometriali che in una situazione di normalità si trovano solo nella sede fisiologica dell’utero.

La gravità della patologia è stata suddivisa in 4 fasi distinte dall’American Society for Reproductive Medicine, e sono:

  • endometriosi minima
  • endometriosi lieve
  • endometriosi moderata
  • endometriosi grave.

Chi soffre di endometriosi

Si calcola che questa patologia interessi circa il 10/20% delle donne in età fertile (in particolare tra i 25 e i 35 anni), mentre è quasi assente in età pre puberale e post menopausale.

I sintomi più comuni dell’endometriosi

I sintomi dell’endometriosi possono essere numerosi, ma allo stesso tempo abbastanza generici ed è in parte proprio questo che rende la diagnosi più complessa. Fra i sintomi più comuni ci sono:

  • dolore pelvico
  • dismenorrea
  • dispareunia (dolore durante i rapporti sessuali)
  • mestruazioni abbondanti
  • diarrea
  • costipazione
  • difficoltà a rimanere incinta
  • perdite di sangue.

Ma l’endometriosi a volte può non presentare sintomi: il ritardo della diagnosi infatti può essere la conseguenza di un’endometriosi asintomatica che viene scoperta attraverso accertamenti per altre problematiche. Uno degli aspetti più delicati da tenere in considerazione è che la formazione di tessuto cicatriziale e aderenze, se trascurata, possono essere causa di infertilità.

La diagnosi dell’endometriosi

Una diagnosi tempestiva dell’endometriosi è molto importante perché, se trattata fin da subito, evita nel tempo che si verifichino conseguenze come appunto l’infertilità.

Il primo step per una diagnosi e fare un’anamnesi accurata, in modo che il ginecologo possa cogliere eventuali segnali e procedere con questi esami specifici:

  • visita ginecologica specialistica
  • un’ecografia transvaginale per individuare la presenza di tessuti in sedi anomale o cisti.

In caso di ecografia con esiti anomali, viene effettuata la risonanza magnetica alle pelvi.

Endometriosi e alimentazione: i consigli da seguire

Alcuni studi hanno evidenziato la relazione diretta tra dieta ed endometriosi perché alcuni alimenti, rinforzando il sistema immunitario, aiutano a contrastare la patologia.

In presenza di questa patologia, l’alimentazione può aiutare ad abbassare i livelli di infiammazione e degli estrogeni che circolano.

Ecco quali sono le principali indicazioni da seguire:

  • eliminare/ ridurre al minimo zuccheri, prodotti raffinati, grassi saturi (es. merendine, biscotti industriali, bibite zuccherate…), cibi fritti, salumi e alcolici;
  • ridurre il consumo di latticini, prodotti a base di farina bianca e carni rosse;
  • prediligere il consumo di alimenti di origine vegetale ricchi di fibre e sostanze antiossidanti come frutta di stagione, frutta secca, verdura, legumi (ceci, lenticchie, fagioli, piselli) e cereali integrali (farro, orzo, amaranto, miglio, grano saraceno, riso integrale) perché diminuiscono l’infiammazione addominale, aiutano la digestione e il buon funzionamento dell’intestino e riducono gli estrogeni circolanti nel sangue;
  • inserire nella dieta alimenti naturalmente ricchi di omega 3 come pesce azzurro di piccola taglia (sgombro, sarde…), semi di lino e semi di chia, frutta secca e avocado;
  • utilizzare spezie come cannella, curcuma e zenzero;
  • assumere alimenti ricchi di calcio, magnesio e vitamina D.

Inoltre, insieme ad una dieta corretta, è consigliabile seguire uno stile di vita sano e una regolare attività fisica.

Presso il Valparma Hospital è possibile sottoporsi ad un check up ginecologico sia ad una visita ginecologica specialistica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email