Onicocriptosi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il nome tecnico è onicocriptosi, quello che tutti conosciamo è unghia incarnita, una condizione patologica delle unghie che tendono a penetrare nel tessuto intorno detto perionichio. E’ piuttosto comune e quando degenera può limitare seriamente la deambulazione ed indurre processi infettivi severi. Generalmente è un’alterazione circoscritta all’alluce, ma può colpire anche le altre dita. Sebbene interessi sia uomini che donne, e possa comparire a tutte le età, è più  frequente nei maschi (62%), soprattutto negli adolescenti tra la prima e la seconda decade di vita.

Si tratta di uno stato di iper attività a carico dei tessuti periungueali, solitamente indotto da stimoli meccanici negativi esercitati localmente dalla lamina ungueale sui tessuti circostanti. Le cause sono molteplici: dalla compressione imposta dall’alluce da calzature non adatte a rapporti interdigitali alterati, ma anche lo stimolo lesivo dei tessuti prodotto da operazioni improprie di taglio e limaggio del margine distale della lamina. E ancora, un eccesso di curvatura della lamina stessa.

L’onicocriptosi si presenta con quadri clinici diversificati, che peggiorano progressivamente. Gli stadi sono, fra loro distinti, sono tre:

-Gonfiore ed eritema del solco ungueale laterale: i margini della lamina ungueale vengono ricoperti dai tessuti via via sempre più infiammati del solco laterale;

-Dolore crescente, comparsa di un’infezione acuta e attiva, con presenza di drenaggio;

-L’infezione cronicizza: il solco laterale dell’unghia e i tessuti adiacenti assumono le caratteristiche di un tessuto di granulazione. Si sviluppa così un’ipertrofia generalizzata dei tessuti molli circostanti e la lamina ungueale risulta inclusa nel tessuto ipertrofico e infiammato, assumendo il tipico aspetto “incarnito”.

I fattori scatenanti sono molti e si possono dividere in due principali categorie:

CAUSE INTRINSECHE

-Forma dell’unghia

-Deformità delle dita

CAUSE ESTRINSECHE

-Calzature inadeguate

-Traumi

-Alterazioni trofiche

-Onicomicosi

-Taglio scorretto della lamina ungueale

-Iperidrosi

COSA FARE

Il primo passo è la rimozione della porzione d’unghia che ha invaso il perionichio effettuata dal podologo, che opera per eliminare il dolore e evitare recidive. Al riguardo, infatti, è importante una “rieducazione ungueale” attraverso tecniche di ortonixia conservativa che cercano di riportare l’unghia al suo stato di normalità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email