Test da sforzo, cos’è e perché si esegue

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il test da sforzo è conosciuto anche come il test ergometrico ed è un esame che consiste nell’esecuzione di un elettrocardiogramma mentre il paziente è sottoposto ad uno sforzo fisico controllato e di intensità graduale. Questo test viene condotto per valutare il comportamento della frequenza cardiaca, della conduzione atrio-ventricolare e di eventuali aritmie atriali o ventricolari durante lo sforzo richiesto. In questo articolo approfondiamo i motivi per cui è consigliabile sottoporsi a questo test e come si svolge.

Test da sforzo che cos’è

Il test da sforzo registra le reazioni che avvengono a livello di cuore mentre il paziente, sottoposto ad un elettrocardiogramma, svolge uno sforzo fisico controllato. Lo sforzo richiesto infatti provoca un aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, che determinano una richiesta di sangue più importante da parte del cuore che deve gestire una situazione di lavoro più intensa.

Test da sforzo a cosa serve

Il test da sforzo è utile per una serie di indicazioni, in particolare permette di:

  • valutare la performance cardiovascolare in risposta allo sforzo;
  • individuare eventuali alterazioni elettrocardiografiche sospette per insufficienza coronarica;
  • valutare la capacità di lavoro dell’organismo in condizioni di sforzo, con particolare attenzione alla frequenza cardiaca ed alla pressione arteriosa;
  • individuare l’eventuale insorgenza di aritmie cardiache indotte dallo sforzo.

Come si effettua il test da sforzo

Il paziente deve effettuare attività fisica su una cyclette o su una pedana mobile, per la durata di circa 20 minuti, in seguito all’applicazione di elettrodi sul petto ed alla radice degli arti. Il cardiologo monitorerà quindi l’elettrocardiogramma (analizzando la morfologia del tracciato e la frequenza cardiaca) e la pressione arteriosa, ponendo attenzione ad eventuali sintomi lamentati dal paziente.

I risultati possono essere utili sia a scopo diagnostico, sia per valutare l’efficacia di una terapia farmacologica, di un bypass o di un’angioplastica. Il test da sforzo viene effettuato anche nell’ambito della medicina sportiva per valutare performance globale del sistema cardiovascolare, e quindi dell’intero organismo, in condizioni di sforzo fisico.

Prenota il tuo test da sforzo al Valparma Hospital!

Come prepararsi ad un test da sforzo

Per chi deve sottoporsi ad un test da sforzo è consigliabile utilizzare un abbigliamento comodo, ideale è la tuta, ed evitare la sera o la mattina prima di usare creme cosmetiche sulla cute, che non permettono un contatto corretto degli elettrodi dell’ECG.

Per quanto riguarda l’alimentazione è consigliabile evitare di mangiare subito prima della prova: se l’esame si svolge durante la mattina si consiglia una colazione molto leggera, se è durante il pomeriggio si consiglia di consumare un pasto light non oltre 2 ore prima dell’esecuzione dell’esame.

Presso il Valparma Hospital è possibile sottoporsi ad un test da sforzo sia durante una visita specialistica cardiologica sia durante il nostro check up cardiologico.

Scopri maggiori informazioni sui check up del Valparma Hospital!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email